Il disastro nucleare che non ha ucciso nessuno

Per Pio d’Emilia però anche Noda (sbeffeggiato con il nomignolo ‘anguilla fangosa’) ha i giorni contati: ‘L’unico vero provvedimento che ha cambiato la storia del Giappone l’ha firmato l’ex premier Naoto Kan, poco prima delle dimissioni’: si tratta del pacchetto verde che rompe il monopolio su produzione e distribuzione dell’energia, permettendo a ogni privato di prodursi l’elettricità anche dal ruscello che scorre nel suo giardino.
La Chubu Electric resiste per una settimana alle richiesta, poi, all’alba di venerdì 13 maggio, avvia la procedura di spegnimento dei due reattori rimasti operativi, il quarto e il quinto (secondo Pio d’Emilia le pressioni del governo non sono estranee alla considerazione che, in zona, ‘ci sono quattro basi militari americane’).
Il lunedì successivo si scopre che le preoccupazioni di Kan non erano infondate: per una falla in una condotta, migliaia di litri d’acqua dell’oceano si sono infiltrati in un condensatore, per poi raggiungere il quinto reattore.
Togasawa dice al Foglio che quelle ancora radioattive sono alcune aree isolate e delimitate, ma che il sistema di decontaminazione sta funzionando: ‘In quasi tutte le altre zone della prefettura di Fukushima il livello di radiazioni è sufficientemente basso per abitarvici’.
Fonte:
http://www.ilfoglio.it/soloqui/10746

Il disastro nucleare che non ha ucciso nessunoultima modifica: 2011-10-15T11:57:37+02:00da sedtyu
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento